Eventi

Andria, 14.01.2022

 

La Legge 30 dicembre 2021, n. 23, in vigore dal 1° gennaio 2022, ha introdotto, tra le altre novità, la modifica dei requisiti di spettanza nel 2022 del Bonus Irpef 100 euro, il cosiddetto “Ex Bonus Renzi”.

Ed infatti, l’articolo 1, comma 3 della Legge di Bilancio, con effetto dal 1° gennaio 2022, riduce a 15.000 euro il limite di reddito complessivo necessario per ottenere il trattamento integrativo pari a 1.200 euro netti annui.

Resta confermato invece il requisito per cui il trattamento integrativo è riconosciuto a patto che l’IRPEF lorda (calcolata rispetto ai redditi da lavoro dipendente ed assimilati) sia di importo superiore alle detrazioni da lavoro dipendente disciplinate dall’articolo 13 comma 1 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR) di cui al Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

Si riconosce però il trattamento integrativo “anche se il reddito complessivo è superiore a 15.000 euro ma non a 28.000 euro” a patto che la somma delle seguenti detrazioni sia di importo superiore all’IRPEF lorda.

Ci si riferisce quindi ai seguenti casi:

  • Detrazioni per familiari a carico (coniuge, figli, altri familiari) di cui all’articolo 12 comma 1 del TUIR;
  • Detrazioni per redditi da lavoro dipendente ed assimilati di cui all’articolo 13 comma 1 del TUIR;
  • Detrazioni per interessi passivi ed oneri accessori pagati a seguito di prestiti o mutui agrari di ogni specie (articolo 15 comma 1 lettera a del TUIR) limitatamente “agli oneri sostenuti in dipendenza di mutui o prestiti contratti fino al 31 dicembre 2021”;
  • Detrazioni per interessi passivi ed oneri accessori dovuti in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili, contratti per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale (articolo 15 comma 1 lettera b del TUIR) limitatamente “agli oneri sostenuti in dipendenza di mutui o prestiti contratti fino al 31 dicembre 2021”;
  • Detrazioni per interessi passivi ed oneri accessori pagati a seguito di mutui garantiti da ipoteca, contratti per la costruzione dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale (articolo 15 comma 1-ter del TUIR) limitatamente “agli oneri sostenuti in dipendenza di mutui o prestiti contratti fino al 31 dicembre 2021”;
  • Rate relative alle detrazioni per spese sanitarie (articolo 15 comma 1 lettera c TUIR), per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici (articolo 16-bis TUIR), nonché “di quelle relative alle detrazioni previste da altre disposizioni normative” per spese sostenute fino al 31 dicembre 2021.

Di conseguenza, soltanto se l’imposta lorda (calcolata applicando al reddito complessivo i vari scaglioni IRPEF anch’essi oggetto di modifica da parte della Manovra) sia inferiore alla somma delle detrazioni appena citate, spetterà il trattamento integrativo.

Tuttavia tale trattamento non sarà riconosciuto in misura “piena” pari a 1.200 euro netti annui (come avviene per chi ha un reddito complessivo fino a 15 mila euro) ma sarà “determinato in misura pari alla differenza tra la somma delle detrazioni ivi elencate e l’imposta lorda”.

Dunque, l’importo del bonus corrisponderà alla differenza tra la somma delle detrazioni sopra elencate e l’imposta lorda, nel rispetto del tetto massimo di 1.200 euro:

 

totale detrazioni per carichi di famiglia, lavoro dipendente ed assimilato, interessi passivi, spese sanitarie ed interventi di recupero edilizio – imposta lorda = trattamento integrativo.

Le modifiche intervenute quindi, riguardano essenzialmente i requisiti di spettanza del trattamento integrativo. Nessuna novità, invece, in tema di natura della somma corrisposta e modalità di erogazione.

Ciò sta a significare che l’ex “Bonus Renzi” è riconosciuto come credito d’imposta (è infatti una somma che si aggiunge al netto in busta paga), non concorre alla formazione del reddito complessivo ai fini fiscali del beneficiario ed è rapportato ai periodi di lavoro svolti dal 1° gennaio al 31 dicembre.

Da ultimo, ricordiamo che sarà erogato dal sostituto d’imposta (datore di lavoro) in via automatica ripartendolo tra le retribuzioni erogate, salvo rinuncia espressa dell’interessato ovvero scelta di ricevere l’importo in un’unica soluzione in sede di conguaglio di fine anno o di invio della dichiarazione dei redditi. 


  Andria, 13.01.2022

Si informano i dipendenti che dal giorno 17.01.2022 gli uffici amministrativi Sanitaservice opereranno in Smart Working, per comunicazioni lavorative amministrative è possibile utilizzare gli indirizzi mail o contattare i seguenti numeri

DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE ORE 9:00 ALLE ORE 13:00

 

Dipendenti che prestano attività lavorativa all’interno di:

Strutture di Andria;

Strutture di Canosa di Puglia;

Strutture di Minervino Murge;

Strutture di Spinazzola.

Riferimento:

DIBENEDETTO VINCENZO: 366.5645075

 

P.O. di Barletta;

DSS 1 Margherita di Savoia;

DSS 1 San Ferdinando;

DSS 1 Trinitapoli.

Riferimento:

FRANCESCA DELVECCHIO: 366.5643853

 

Strutture di Trani;

Strutture di Bisceglie;

DSS 4 Barletta

EX INAM Barletta.

Riferimento:

SABINA LISO: 366.5643852 


 Andria, 11.01.2022

INFORMATIVA ASSEGNO UNICO

 

Gentili dipendenti,

l’INPS con circolare n. 4748 del 31.12.2021 si è occupata della disciplina dell’Assegno Unico e universale per i figli a carico, istituito con il Decreto Legislativo n. 230/2021.

Si tratta di un beneficio economico attribuito su base mensile per il periodo compreso tra il mese di marzo e di febbraio dell’anno successivo ed è determinato dall’INPS in base alla condizione economica del nucleo familiare con l’ISEE.

Ciò sta a significare che dal mese di marzo 2022 non verranno più erogati gli assegni per il nucleo familiare e gli assegni familiari né saranno più riconosciute le detrazioni per i figli a carico sotto i 21 anni. Questi strumenti, infatti, sono stati sostituiti dall’Assegno unico, per il quale è necessario presentare domanda all’INPS.

Solo sino a febbraio 2022, saranno prorogate le misure in essere, cioè assegno temporaneo, assegno ai nuclei familiari, assegni familiari e detrazioni fiscali per figli minori di 21 anni.

A decorrere dal 01.01.2022 sul sito dell’INPS si potranno presentare le domande di assegno unico.

Il beneficio spetta per ogni figlio minorenne a carico e per ciascun figlio maggiorenne a carico fino al compimento dei 21 anni. In caso di disabilità del figlio a carico, non sono previsti limiti di età.

La domanda è presentata da un genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale.

L’importo è determinato in base all’ISEE del nucleo del beneficiario della prestazione.

Per le domande presentate a partire dal 01.01.2022 al 30.06.2022, l’assegno decorre dalla mensilità di marzo.

Per le domande presentate dal 01.07.2022, in poi, la prestazione decorre dal mese successivo a quello di presentazione.

In assenza di ISEE al momento della domanda, l’assegno spetterà sulla base dei dati auto dichiarati nel modello della domanda.

La domanda va presentata una volta sola per ogni anno e deve indicare tutti i figli per i quali si richiede il beneficio con la possibilità di aggiungere ulteriori figli per le nuove nascite che ci possono essere nel corso dell’anno.

La domanda si può presentare tramite il portale web, tramite il contact center integrato al numero 803.164 o 06.164.164 o tramite i Patronati.

L’assegno viene erogato dall’INPS con accredito IBAN o con la consegna di contante presso uno sportello postale.

Si rimane a completa disposizione.

Cordiali saluti 


 

Andria 22.12.2021

Prima informativa Modello "231"

Apri documento

 


 Andria 22.12.2021

COMUNICAZIONE

Si informano i lavoratori che nei giorni 24.12 e 31.12 l'ufficio amministrativo Sanitaservice resterà chiuso.

 


 Andria 20.12.2021

Disposizione

 


  Andria 22.11.2021

 Avviso pubblico per la selezione di n°162 ausiliari da con contratto a tempo determinato per la durata di 6 mesi e comunque non oltre la durata dell’affidamento del servizio da parte della ASL BT– Posizione A del CCNL Case di Cura Private- Personale non medico.

Avviso Pubblico 

Mod. 1 Dichiarazione sostitutiva di certificazione

Materiale di studio consigliato 


18/10/2021

Vaccinazione per SARS-CoV2, Terza dose Sanitaservice

apri il documento

 


 15.10.2021

MODALITA' OPERATIVE

(art. 3 comma 5 D.L. 127/2021)

PER L'ORGANIZZAZIONE DELLE VERIFICHE DI CUI ALL'ART. 3 COMMA 4 DEL D.L. 127 DEL 21.09.2021

apri il documento


 13.10.2021

ORDINE DI SERVIZIO

Green pass in ambito lavorativo privato – D.L. 21 settembre 2021, n. 127 CIRCOLARE

A tutti i dipendenti 

Apri il documento


 13.07.2021

 A TUTTI I DIPENDENTI

 Procedure di sicurezza anti covid 19


A decorrere dal 15.07 e sino al 15.09.2021 tutti i dipendenti al rientro da un periodo di ferie superiore ai 7 giorni consecutivi, dovranno sottoporsi a tampone naso faringeo per ricerca sars-cov-2, in luogo del consueto tampone di screening mensile, così come da comunicazione asl bt allegata.

 

Comunicazione 


 Egregi dipendenti,

con la presente si comunica che dal giorno 19.03.2021 sino al giorno 26.03.2021, dalle ore 13:00 alle ore 16:00 i lavoratori che volessero avere chiarimenti sui cedolini dalla Dott.ssa Lacapra (dopo le disposizioni aziendali e le presenze) potranno contattarla telefonicamente al numero  347.8003781; il tutto in sostituzione della presenza della dott.ssa in sede, a causa dell’attuale situazione epidemiologica.

I quesiti, dovranno riguardare i cedolini e i  seguenti argomenti:

•             Modelli ANF non ancora autorizzati,

•             Controllo relativo al trattamento integrativo e ulteriore detrazione fiscale di cui agli art. 1 e 2 del D.L. n. 3/20,

 


 Andria, 03.03.2021 

Sanitaservice Asl Bt srl in data 01.03.2021 ha commissionato alla società Job Italia Spa n. 33 lavoratori ausiliari pulitori in regime somministrato da impiegare nei reparti covid 19. Trattandosi di reparti covid le norme di sicurezza impongono esplicita dichiarazione di disponibilità ad assunzione del vaccino, contrariamente non potranno essere avviati al lavoro presso la società scrivente.
Altri requisiti richiesti sono:

  • Nazionalità italiana o di uno dei paesi u.e.;
  • Terza media;
  • Residenza e domicilio in uno dei comuni della provincia bt, al fine di ridurre e contenere la mobilità;
  • Idoneità alla mansione accertata dal medico competente della società ed assenza di una qualsiasi limitazione psico fisica.

Tutti gli altri requisiti previsti dal regolamento per le assunzioni di sanitaservice asl bt pubblicato su questo sito.
Inizialmente saranno collocati presso ospedali o servizi no covid, sino ad una settimana successiva alla somministrazione del vaccino per essere poi destinati agli ospedali covid di Barletta e Bisceglie e nei reparti post covid di canosa di Puglia, ovvero nei reparti ad alto ed altissimo rischio .
Le candidature dovranno essere inviate esclusivamente al seguente indirizzo mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  .
Per ogni richiesta di informazioni dovrà essere utilizzato esclusivamente il su riportato indirizzo mail. 
Gli uffici di Sanitaservice Asl Bt srl non potranno dare altre informazioni in quanto non in possesso e comunque non competenti, tanto meno se richieste telefonicamente. 
Eventuali richieste indirizzate ad un qualsiasi indirizzo mail di sanitaservice asl bt saranno cestinate e non otterranno risposta. 
Al fine di agevolare le attività di selezione da parte di Job Italia Spa è opportuno che chi in passato abbia già inviato disponibilità al lavoro somministrato a Job Italia Spa, la rinvii sempre ed esclusivamente all'indirizzo mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  .
La durata del lavoro somministrato è a tempo pieno e per mesi tre.
Potrà essere prolungata in relazione all'andamento della pandemia e/o alle esigenze di Sanitaservice Asl Bt srl .  

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen